http://marketinglegale.it/images/studio-legale-avvocati.jpg

SERVIZI LEGALI

Sabato 11 Agosto 2012 18:42
Stampa PDF
SERVIZI LEGALI

avvocato matrimonialista

Esso ha origine dal disfacimento dell’unione matrimoniale ed ha, dunque, carattere differente dal sussidio di sostentamento e da quello degli alimenti, casomai elargiti in regime di separazione, che presumono al contrario la sussistenza e la stabilità della relazione tra coniugi. Il sussidio può essere accordato nel caso in cui vi sia uno di questi tre attributi.

Esso ha carattere composito: 1. un requisito di assistenza, per cui è indispensabile stimare il danno che può provocare ad uno dei consorti il disfacimento dell’unione matrimoniale; 2. un requisito di risarcimento, per cui occorre verificare la ragione che provoca la lacerazione dell’unione; 3. un requisito rimunerativo, per cui è fondamentale stimare i contributi di ciascun consorte alla gestione della famiglia.

Generalmente, la corresponsione del sussidio di divorzio è ammessa a uno dei consorti perché egli deve poter conservare il medesimo stile di vita avuto durante il rapporto matrimoniale. Il sussidio deve essere concesso da quando il verdetto passa in giudicato, ma può essere domandato anche in seguito, se il tenore di vita di uno degli ex coniugi lo pretenda (nel caso dell’esistenza di un obiettiva condizione di necessità).

Il sussidio può essere rifiutato, ma anche in tale ipotesi, se sopravviene una condizione di necessità, potranno essere riviste le deliberazioni adottate in precedenza dai giudici. Nel caso in cui sia pagato in un'unica rata decade qualsiasi diritto del consorte che ne ha beneficiato di presentare altre istanze di tipo economico, che sono considerate dalla disciplina stessa inopportune.

In questo caso il consorte non potrà godere di nessun diritto nemmeno riguardo alla successione. Il sussidio di divorzio può essere pagato ogni mese, o saldato in un’unica rata, con preliminare verifica dell’organo giudiziario sull’adeguatezza dell’importo concesso.

Se il sussidio è corrisposto ogni mese, il consorte che lo riscuote, se decede l'ex consorte, potrà avere una parte dei beni ereditati commisurata all’importo avuto con sussidio mensile e godere dunque anche del diritto al contributo pensionistico di curabilità o ad una parte di essa. Il sussidio si annulla quando chi lo riscuote contrae un nuovo matrimonio o se chi è tenuto a corrisponderlo decede o fa fallimento.

Nel caso in cui chi corrisponde non paga la somma fissata si può procedere a livello operativo nei suoi riguardi o riguardo a chi è suo debitore (per esempio il datore di lavoro o un istituto bancario), per avere ciò che gli spetta. Per di più, allo scopo di proteggere il diritto ammesso con giudizio, si può chiedere valida cauzione di tipo concreto o individuale, o la confisca di beni del consorte vincolato. Se non avviene la corresponsione del sussidio, può essere sequestrato anche il salario o la rata pensionistica.

materie: La separazione consensuale Avvocato matrimonialista Addebito separazione Assegno di divorzio Assegno di mantenimento Casa coniugale Famiglia coppia di Fatto pacs Mantenimento dei figli Matrimonio Gay in Italia Matrimonio Gay in Spagna Pensione di Reversibilità Previdenza e assistenza Regime patrimoniale TFR Scioglimento del Matrimonio Annullamento Matrimonio Separazione e divorzio Affidamento Figli Adozione Tutela Minori Tutela della maternità Reati contro la famiglia L'impresa di famiglia Divorzio in Spagna Matrimonio fra italiani ed stranieri Annullamento Matrimonio Sacra ROTA affidamento condiviso

partners : l'Aquila, Chieti, Pescara, Teramo, Matera, Potenza, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia, Avellino, Benevento, Caserta, Napoli, Salerno, Bologna, Ferrara, Forli-Cesena, Modena, Parma, Piacenza, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini, Gorizia, Pordenone, Trieste, Udine, Frosinone, Latina, Rieti, Roma, Viterbo, Genova, Imperia, Spezia, Savona, Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Mantova, Milano, Monza e della Brianza, Pavia, Sondrio, Varese, Ancona, Ascoli Piceno, Fermo, Macerata, Pesaro e Urbino, Campobasso, Isernia, Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Novara, Torino, Verbano Cusio Ossola, Vercelli, Bari, Barletta-Andria-Trani, Brindisi, Foggia, Lecce, Taranto, Cagliari, Carbonia-Iglesias, Medio Campidano, Nuoro, Ogliastra, Olbia-Tempio, Oristano, Sassari, Agrigento, Caltanissetta, Catania, Enna, Messina, Palermo, Ragusa, Siracusa, Trapani, Arezzo, Firenze, Grosseto, Livorno, Lucca, Massa-Carrara, Pisa, Pistoia, Prato, Siena, Bolzano, Trento, Perugia, Terni, Valle d'Aosta, Belluno, Padova, Rovigo, Treviso, Venezia, Verona, Vicenza

L’staff è un gruppo di  avvocati divorzisti ed esperti in Diritto di Famiglia (nazionale e internazionale), contattaci e un legale vi guiderà nella sua pratica di divorzio o separazione anche se consensuale, l’ avvocato divorzista si occuperà di trovare la miglior soluzione alla sua causa legale e sono specializzati nei: Addebito separazione, Assegno di divorzio, Assegno di mantenimento, Casa coniugale, Famiglia coppia di Fatto pacs, Pensione di Reversibilità, Previdenza e assistenza, Regime patrimoniale, TFR, Scioglimento del Matrimonio, Annullamento Matrimonio, Reati contro la famiglia, Matrimonio fra italiani ed stranieri, Annullamento Matrimonio Sacra ROTA, affidamento condiviso, sottrazione internazionale di minorenni. Avviamo sedi nazionale a: Napoli, Roma, Milano, Torino, Bologna, Genova, Brescia, Firenze e tutte le altre provincie italiane può scegliere qui sotto. Le sedi internazionali: l'avana, madrid, new york, bruselles, toronto, sidney, buenos aires, chicago, miami, parigi, londra, berlino. L’ avvocato matrimonialista a differenza dei specialisti in altre materie ha sempre presente il bene della unione famigliare ed estrema cura delle parti coinvolte.