http://marketinglegale.it/images/studio-legale-avvocati.jpg

SERVIZI LEGALI

Sabato 11 Agosto 2012 18:42
Stampa PDF
SERVIZI LEGALI

avvocato matrimonialista

Quando ci si "avvocati divorzisti" separa, nel caso in cui uno dei "avvocato divorzista" due consorti non abbia introiti idonei propri e la separazione non sia a lui attribuibile per "avvocato matrimonialista" mancanze, il magistrato può decretare che l'altro "avv matrimonialisti" consorte paghi un sussidio di sostentamento (art. 156, 1°co. c.c.).

Esaminate le condizioni per ogni caso, il sussidio deve assicurare a chi lo riscuote di avere il medesimo stile di vita avuto nel corso del rapporto matrimoniale, a patto che il consorte vincolato abbia realmente i requisiti economici per poterlo corrispondere. Il sostentamento nell’ipotesi di separazione è di solito pagato ogni mese. Il consorte a cui è di diritto il sussidio può rifiutarlo.

Nell’ipotesi di inadempienza, su domanda dell’intestatario, potrà essere ordinata la confisca di una parte dei beni del vincolato, o potrà essere imposto ad altri (es. al datore di lavoro del consorte vincolato) il pagamento dell’importo imposto. La disposizione con cui il magistrato ordina il pagamento del sussidio di sostentamento può sempre essere emendata o annullata nel caso in cui emergano comprovate ragioni o inedite circostanze.

Al consorte cui è attribuita la separazione non spetta il sostentamento. Ciò nonostante, gli spetteranno in ogni caso i beni alimentari (che rispetto al sostentamento equivalgono ad un importo che basta a consentire i beni necessari) nel caso in cui ci si trovi in una condizione di esclusivo bisogno e miseria (art. 156, 3° co. c.c.).

L’importo del sussidio va calcolato tenendo conto della totale entità patrimoniale del vincolato. Non sarà sufficiente dunque stimare il guadagno netto, ma andranno inclusi tutti i beni utilizzabili dai coniugi: di tipo mobile e immobile, fruttuosi o non redditizi di introiti aggiuntivi, e la loro entità effettiva.

L’entità totale del patrimonio del consorte è dunque un fattore fondamentale nell'azione di determinazione del sussidio, che dovrà bastare a istituire o a completare gli introiti dell’intestatario allo scopo di avere uno stile di vita analogo a quello avuto nel corso del rapporto matrimoniale. Si consideri inoltre che sia insignificante che precedentemente un consorte avesse accolto un livello più basso dello stile di vita pensabile, visto che il sussidio è principalmente teso a equilibrare una disuguaglianza nelle rendite dell’intestatario.

Altro fattore che è stato esaminato dalla dottrina giurisprudenziale della Corte di Cassazione è l’apporto economico di tipo continuo da parte di un consorte. Va valutata, ad esempio, la circostanza in cui un consorte abbia corrisposto regolarmente una quota di affitto dell’abitazione familiare, aumentando le risorse finanziarie dei coniugi di una quota equivalente.

materie: La separazione consensuale Avvocato matrimonialista Addebito separazione Assegno di divorzio Assegno di mantenimento Casa coniugale Famiglia coppia di Fatto pacs Mantenimento dei figli Matrimonio Gay in Italia Matrimonio Gay in Spagna Pensione di Reversibilità Previdenza e assistenza Regime patrimoniale TFR Scioglimento del Matrimonio Annullamento Matrimonio Separazione e divorzio Affidamento Figli Adozione Tutela Minori Tutela della maternità Reati contro la famiglia L'impresa di famiglia Divorzio in Spagna Matrimonio fra italiani ed stranieri Annullamento Matrimonio Sacra ROTA affidamento condiviso

partners : l'Aquila, Chieti, Pescara, Teramo, Matera, Potenza, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia, Avellino, Benevento, Caserta, Napoli, Salerno, Bologna, Ferrara, Forli-Cesena, Modena, Parma, Piacenza, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini, Gorizia, Pordenone, Trieste, Udine, Frosinone, Latina, Rieti, Roma, Viterbo, Genova, Imperia, Spezia, Savona, Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Mantova, Milano, Monza e della Brianza, Pavia, Sondrio, Varese, Ancona, Ascoli Piceno, Fermo, Macerata, Pesaro e Urbino, Campobasso, Isernia, Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Novara, Torino, Verbano Cusio Ossola, Vercelli, Bari, Barletta-Andria-Trani, Brindisi, Foggia, Lecce, Taranto, Cagliari, Carbonia-Iglesias, Medio Campidano, Nuoro, Ogliastra, Olbia-Tempio, Oristano, Sassari, Agrigento, Caltanissetta, Catania, Enna, Messina, Palermo, Ragusa, Siracusa, Trapani, Arezzo, Firenze, Grosseto, Livorno, Lucca, Massa-Carrara, Pisa, Pistoia, Prato, Siena, Bolzano, Trento, Perugia, Terni, Valle d'Aosta, Belluno, Padova, Rovigo, Treviso, Venezia, Verona, Vicenza

L’staff è un gruppo di  avvocati divorzisti ed esperti in Diritto di Famiglia (nazionale e internazionale), contattaci e un legale vi guiderà nella sua pratica di divorzio o separazione anche se consensuale, l’ avvocato divorzista si occuperà di trovare la miglior soluzione alla sua causa legale e sono specializzati nei: Addebito separazione, Assegno di divorzio, Assegno di mantenimento, Casa coniugale, Famiglia coppia di Fatto pacs, Pensione di Reversibilità, Previdenza e assistenza, Regime patrimoniale, TFR, Scioglimento del Matrimonio, Annullamento Matrimonio, Reati contro la famiglia, Matrimonio fra italiani ed stranieri, Annullamento Matrimonio Sacra ROTA, affidamento condiviso, sottrazione internazionale di minorenni. Avviamo sedi nazionale a: Napoli, Roma, Milano, Torino, Bologna, Genova, Brescia, Firenze e tutte le altre provincie italiane può scegliere qui sotto. Le sedi internazionali: l'avana, madrid, new york, bruselles, toronto, sidney, buenos aires, chicago, miami, parigi, londra, berlino. L’ avvocato matrimonialista a differenza dei specialisti in altre materie ha sempre presente il bene della unione famigliare ed estrema cura delle parti coinvolte.